Incantesimo per far allontanare le negatività

Disegna un cerchio per terra di bianco, metti 5 candele blu fuori dal cerchio, fai un giro di 180 gradi e pronuncia queste frasi:

“Chiunque,
che da me giunse,
allontanatevi, riponetevi,
ritornate da dove siete venuti.
Andate, e mai più ritornate!”

Published in: on 14 ottobre 2012 at 18:44  Lascia un commento  

Per il desiderio d’amore

Occorrente

Il “vostro” altare
Strumenti esoterici (bacchetta, athamè, coppa, sale ecc.)
Una candela rossa
Fiammiferi
Ago

Procedimento

In una notte di venerdì di Luna Crescente o Piena, preparate il vostro altare con tutti gli strumenti necessari, è importante posizionarsi a Nord. Ora aprite il cerchio sacro ovviamente partendo da Nord e girandovi in senso orario invocate i Guardiani degli Elementi per favorire la vostra protezione durante il rituale. Al centro del vostro altare posizionate la candela rossa, incidete con un ago il nome, il cognome, e la data di nascita della persona che amata, visualizzandola meglio che potete.

Ora alzatevi, volgete le mani e il viso al cielo, e dite:

“Invoco te oh Dea Diana,
dea della luna e dell’amore
infondi in questa candela, che rappresenta il mio amato, tutta la tua energia,donandogli amore ed inviandolo verso di me.
Così Sia, così Sia, così Sia!”

Dopodiché accendete la candela, con dei fiammiferi, e dite:

“Che… (nome e cognome della persona amata) mi pensi giorno e notte”

Ora baciate la candela mentre è ancora accesa (fate attenzione), osservate la fiamma e visualizzate intensamente voi e la persona amata insieme, che vi amate, per almeno 30 secondi. Fatto ciò lasciate che la candela si consumi completamente, dopo ringraziate e congedate la Dea Diana e gli spiriti degli elementi, e rilasciate il cerchio. I resti della candela se ci sono conservateli fin quando non siete sicuri che l’incantesimo abbia funzionato.

 

Published in: on 9 ottobre 2012 at 07:41  Lascia un commento  

Rito popolare contro il malocchio

Prendere le palme intrecciate e i ramoscelli di ulivo, benedetti durante la Messa della Domenica delle Palme, e bruciarli con poco incenso nella mattinata del Sabato Santo,girando tutte le stanze della casa e  recitare i versi che seguono, per proteggersi  dal malocchio:
“Parma e uliva biniditta
‘nterra sì nata, ‘ncelu sì scritta,
pi sta virtù ca Diu t’ha datu
lu malocchiu è trapassatu”.

Published in: on 8 ottobre 2012 at 10:51  Lascia un commento  

Rito contro la sofferenza in amore

Occorrente

Incenso
Una candela nera
Una candela bianca
Una penna nera
Pergamena
Calderone

Procedimento

Aprite il cerchio come vi è solito fare, invocate gli elementi ed invocate Iside o Afrodite dicendo:

“Grande dea Iside/Afrodite
ti chiedo di unirti a me
per liberare il mio cuore dalla sofferenza.
Ti prego di guarirmi
da questa ferita
per poter costruire un rapporto più solido in futuro”

Accendete la candela nera, concentratevi sul vostro dolore e mentre ne siete divorati scrivete sulla pergamena tutto ciò che provate. Con la fiamma della candela date fuoco alla carta e gettatela nel calderone dicendo:

“Come brucia questa pergamena,
cosi bruciano il mio dolore
e la mia sofferenza.
Che si disperdono nell’universo
e mi lascino libero/a”

Accendete la candela bianca, visualizzate una luce bianca che discende dal cielo o dalla Luna e vi riempie di sentimenti positivi,e che il vostro cuore si stia riparando, pronunciate queste parole:

“Signora, sono guarito/a
la sofferenza se n’è andata.
Non provo più dolore.
Ora sono pronto/a a diffondere
nel mondo pace e amore”

Congedate la divinità con questa formula:

“Grande dea Iside/Afrodite,
ti ringrazio di esserti unita a me
e di avermi rigenerato.
Il mio cuore è in pace.
Io ti congedo, sii benedetta”.

Congedate gli elementi e chiudete il cerchio, sicuramente, dopo l’incantesimo vi sentirete più leggeri e solari e il peso al cuore non ci sarà più.

Published in: on 7 ottobre 2012 at 10:17  Lascia un commento  

L’INCANTESIMO DEL MIELE

Questo rituale è stato creato per mettere fine ai litigi tra due o più persone.
OCCORRENTE: un barattolo di miele, due o più chicchi di riso, una candela azzurra.
È molto utile nell’ambito lavorativo, perché aiuta a migliorare i rapporti di collaborazione smorzando gli attriti che spesso vengono inevitabilmente a crearsi. Il miele rappresenta la dolcezza con cui affrontiamo intenzionalmente la situazione: in luna calante poniamo nel barattolo tanti chicchi di riso quante sono le persone con cui desideriamo riappacificarsi e mescolando, facciamoli depositare sul fondo. Accendiamo la candela e mangiamo un cucchiaio di miele, immaginando di rivolgere parole gentili alle persone con cui siamo in contrasto, in modo che esse cessino di ricordare tutti gli attriti.
Lasciamo i chicchi di riso nel miele e tutte le volte che ci sentiamo inclini alla discussione, ripetiamo daccapo il rituale.

Published in: on 6 ottobre 2012 at 07:13  Comments (2)  

Per un ritorno

In un contenitore di rame mettere: un petalo di rosa, una foglia di margherita, un pizzico di verbena, un pizzico di mirto, un pizzico di incenso, 7 grani di sale grosso. Coprire con alcool e dare fuoco.

Raccogliere quindi la cenere e mettetela in un sacchettino rosso assieme ad una piccola foto dell’amato.
Il sacchettino dovrà restare a contatto con la vostra pelle per 9 giorni e per 9 notti e la prima volta che lo legate su di voi dovrete dire:
” Come queste ceneri sono vicine al mio cuore, così tu (dire il nome e il cognome della persona) dovrai essere, così sia”.

 

Published in: on 3 ottobre 2012 at 09:25  Lascia un commento  

Per allontanare il male

OCCORRENTE:

1 testa di aglio maschio ( l’aglio maschio è quello di colore rosso)
prezzemolo
semi di coriandolo
3 grani di sale marino
3 grossi grani d’incenso
3 grani di mirra
PROCEDIMENTO:
Chiudete il borsello e andate in un posto dove ci siano 7 chiese vicine tra loro. In ogni chiesa immergerete il vostro borsello nell’acquasantiera e dite questa formula con moltissima devozione:
” Liberatemi dai miei nemici
che mi vogliono male
e la fortuna mi deve venire a trovare!”

Dopo che dite la formula fatevi il segno della croce per tre volte di seguito.

 

Published in: on 2 ottobre 2012 at 07:31  Lascia un commento  

Riconquistare un amore perduto

Quest’incantesimo deve essere usato per riconquistare l’ex fidanzato/a o per porre fine ad un litigio con l’amico/a del cuore.Il migliore momento per eseguire quest’incantesimo è precisamente alle 8.00 di sera(ore 20.00).

Necessiti dei seguenti componenti:*Due candele bianche*una foto dell’ex fidanzato/a o del tuo amico/a
*Una foto di te stesso sorridente*una teiera*una stoffa o un tessuto blu
L’incantesimo:
1)Precisamente alle 8.00 di sera,accendi le due candele e per un po’ respira profondamente per rilassarti
2)Prova ad immaginare i bei momenti passati insieme e cancella ogni pensiero negativo dalla tua mente.
3)Ora sempre rilassato prendi nelle tue mani la fotografia dell’ex fidanzato/a e ripeti lentamente queste parole:
“Fiamma di luce bianca,Io illuminerò il tuo desiderio,quando pronuncio il tuo nome,tu sentirai il mio fuoco.”Così sia”-In questo modo l’incantesimo è stato lanciato
4)Dici il suo nome tre volte e poi prendi la tua fotografia e posizionala sotto alla sua,in modo che le due immagini stiano insieme.
5)Metti le due fotografie,insieme ad una teiera,il tutto avvolto in un tessuto blu
6)Metti il tutto in un posto sicuro
7)Assicurati che il tuo o la tua ex ricevi il messaggio magico,accendendo le candele ogni sera alle 8.00 precise pronunciando il suo nome tre volte.
Published in: on 1 ottobre 2012 at 07:25  Comments (4)  

PREGHIERA A SANT’ANTONIO PER QUALUNQUE BISOGNO

Indegno per le colpe commesse di comparire davanti a Dio
Vengo ai tuoi piedi, amorosissimo Sant’Antonio,
per implorare la tua intercessione nella necessità in cui verso.
Siimi propizio del tuo possente patrocinio,
liberami da ogni male, specie dal peccato,
e impetrami la grazia di……………
Caro Santo, sono anch’io nel numero dei tribolati  che Dio ha commesso alle tue cure, e alla tua provvidente bontà.
Sono certo che anche io per mezzo tuo avrò quanto chiedo
e così vedrò calmati i miei dolori, confortate le mie angustie,
asciugate le mie lacrime, ritornato alla calma il mio povero cuore.
Consolatore dei tribolati
non negarmi il conforto della tua intercessione presso Dio.
Così sia!

Published in: on 30 settembre 2012 at 08:45  Lascia un commento  

Invocazione popolare a San Antonio per trovare marito

 

Sant’Antonijə mia bbinignə,

putrittur’i chistu regnə,  

tanta brutta nun ci signə

n’ugn’i rota pur’a tiegnə,      

 

Mannamillə ‘nu maritə

bbiellə, russ’e cculuritə 

e ssi ‘st’annə viegnə zita

‘st’annə chi vena ccu ru marit ə 

TRADUZIONE

 

Sant’Antonio mio benigno

protettore di questo regno,

così brutta non sono io

un po’ di dote ce l’ho pure.

 

Mandamelo un marito

bello rosso e colorito

e se quest’anno sarò fidanzata

l’anno venturo avrò il marito

Published in: on 29 settembre 2012 at 08:23  Lascia un commento  
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 375 follower