Rituale per eliminare le invidie in amore

Questo rituale serve per eliminare le forze negative e le invidie presenti in un rapporto d’amore.

1.   Comprare una mela tutta ROSSA

2.   In una sera di giovedì, possibilmente di luna piena, (quando la luna è totalmente illuminata) tagliate la mela a metà

3.   in ognuna delle 2 parti, scavate un buchino grande quanto una noce

4.   Fate lo stesso nell’altra metà.

5.   Nel buco creato inserite una vostra piccola foto con dietro scritto il vostro nome la vostra data di nascita, e nell’altra metà la foto il nome e la data della persona amata.

6.   Il volto delle due foto ( quando chiuderete la mela) devono combaciare

7.   Poi accostate le due metà e tenetele ben unite legando il tutto con del filo rosso.

8.   Dormiteci sopra.

9.   La mattina del venerdì, bruciate la mela affinchè le forze negative siano allontanate. Quindi, recatevi sulle sponde di un corso d’acqua ( non va bene lo scarico di casa) entro la stessa giornata di venerdì (a qualunque ora)

10.   buttate le ceneri nella corrente

Questo sortilegio può essere ripetuto tutte le volte che volete.

 

Annunci
Published in: on 30 giugno 2012 at 10:54  Lascia un commento  

Per ritrovare gli oggetti smarriti

Di Domenica a mezzogiorno, mettete al centro di un tavolo un testimone dell’oggetto smarrito, circondatelo con 7 candele verdi, oro e argento(fate le proporzioni secondo il vostro gusto).
Accendete un bastoncino di incenso.
Quindi ripete tre volte:
«Miei spiriti guida, chiedo il vostro caritatevole aiuto, prestatemi la vostra attenzione.
Aiutatemi a trovar ciò di cui ho bisogno per ritrovare la mia tranquillità!
Amen»
Lasciate che le candele si consumino completamente quindi sotterratele oppure gettatele in un corso d’acqua.

Published in: on 29 giugno 2012 at 09:17  Comments (2)  

Rito della piantina di basilico

Occorre un vasetto con della terra e una manciata di semi di basilico. In una notte di luna crescente, in primavera o in estate, si semina con cura qualche seme di basilico; durante la semina bisogna avere pensieri d’amore, sentire l’amore entrare nella propria vita. Ogni giorno i semi vanno annaffiati amorevolmente, finchè germoglieranno, ripetendo la formula “Sono innamorata/o, grazie!”. Quando spunteranno le foglioline bisogna averne molta cura, non lasciare che le piantine muoiano e non usarle mai per cucinare, perchè sono piantine speciali, consacrate all’amore. Nel volgere di pochi mesi si incontrerà un amore davvero speciale, forse l’amore della propria vita.

Published in: on 28 giugno 2012 at 10:52  Lascia un commento  

Incenso: uso e riti

Oltre ai classici incensi a bastoncino e a cono ci sono anche gli incensi granulari e in polvere,per bruciarli bisogna usare il carbone vegetale sminuzzato nei negozi di articoli esoterici,indiani o articoli religiosi,ci sono 2 tipi di carbone vegetale

1.senza zolfo, prende fuoco con difficoltà

2.con zolfo,che prende subito fuoco

ora accendete i pezzetti di carbone con un fiammifero e quando è incandescente prendete un pizzico di incenso e cospargetelo sopra. Non usatene troppo in una volta sola o il carbone si spegnerà. Quando non c’è più fumo versate un’altra dose di incenso.

Per migliorare l’incenso mettetelo,dopo l’uso in una scatoletta di legno di tuia, perchè la fragranza di questo legno si unisce a quella dell’incenso creando un profumo speciale.

RITI

Se desiderate che la vostra relazione con una persona diventi più intima, ogni venerdì nelle prime ore della sera dopo aver fatto il bagno,bruciate uno dei seguenti incensi: balsamo della mecca, benzoino, bergamotto, cannella, cipresso, gardenia, legno di sandalo, mirra, olibano.

Per allontanare forze negative,spiriti maligni e spettri,prima pulite accuratamente tutto l’ambiente da purificare,accendete una candela bianca vicino a un’immagine sacra o a un oggetto rituale(o nel punto in cui sentite + presenza di energie negative). Poi brucia una miscela di olibano, mirra, legno di sandalo e loto,recitate una preghiera che attiri a voi le entità positive e chiedete loro di aiutarvi ad allontanare la negatività da quel luogo.

Per la salute:bruciate l’incenso ogni domenica fra le 12.00 e le 13.00, bruciate uno dei seguenti incensi: avocado,cannella,garofano,ciclamino,eucalipto,lavanda,mandorla,mela,rosa,ylang-ylang,zafferano.                                                                                                                                  Per la guarigione: giorno migliore è il sabato(saturno) e la domenica(sole),scegliete tra questi incensi:garofano,gelsomino,sandalo,loto,magnolia,mimosa,mirra,pimento,storace,violetta,zafferano.

Per sviluppare i poteri dell’intuito o della psiche, questi tipi di incensi sono indicati per sedute del tipo chiaroveggenza,tarocchi,lettura delle carte,pendolino,spiritismo,sedute medianiche ecc.: acacia,benzoino,cannella,caprifoglio,cipresso,eliotropo,citronella,gelsomino,legno disandalo,magnolia,mastice,mimosa,mirra,orchidea,vaniglia,violetta,zafferano.

Per attrarre e avere un potere di seduzione, bruciate incenso in un venerdì(venere) di luna crescente, fiori d’arancio,gardenia,gelsomino,mela,patchouli,rosa,tuberosa,ylang-ylang,zenzero, mentre l’incenso brucia formulate dei pensieri positivi e amorevoli e meditate sull’amore.

Per medicare e purificarsi, gli incensi che favoriscono la meditazione e la pace sono: acacia,gelsomino, loto,magnolia,mirra e legno di sandalo.

Per il successo, bruciare l’incenso vi aiuta a focalizzarvi ulteriormente ai vostri obbiettivi, la forza di volontà e fiducia in se stessi, bruciate questi incensi:aloe,benzoino,bergamotto,muschio di quercia,camomilla,cannella,caprifoglio,gelsomino,legno di sandalo,mandorla(gli egizi credevano che la mandorla attirasse soldi e fortuna),muschio di quercia,ylang-ylang,zibetto.

Per consacrare,purificare e benedire oggetti e ambienti, chi si è trasferito in una nuova casa o benedire degli oggetti magici,potrà usare i seguenti tipi di incenso: bacche di ginepro, balsamo della mecca,benzoino,cannella,cedro,cipresso,galbano,geranio,gelsomino,lavanda,limone,lotto,mirra,olibano,patchouli,pino,trifoglio,verbena, violetta

Published in: on 27 giugno 2012 at 09:41  Lascia un commento  

Incantesimo per la prosperità

Questo incantesimo è da praticare la notte di Lughnasadh ( notte tra il 31 luglio e il 1 agosto ), e favorisce la prosperità nei mesi a venire.

Ingredienti

1 bottiglia piccola la quale deve essere poi privata dell’etichetta (

lasciandola immersa in un catino di acqua per far si che si scolli dal

vetro ) e lavata per bene, in modo che non restino residui ne di carta ne del liquido che originariamente essa conteneva,

1 turacciolo (per chiudere ermeticamente la bottiglia),

1 amo,

del trifoglio ( sempre in numero dispari ),

candele colorate gialle o arancio,

un pizzico di cannella,

qualche monetina.

Esecuzione

Si prende la bottiglia già pulita la sera del 31 Luglio e la si riempie

con tutte le cose indicate MOLTO LENTAMENTE, visualizzando al contempo delle entrate di denaro che possono essere aumenti di stipendio, vincite al gioco, contratti fruttuosi, ecc…

 

A questo punto chiudere ben bene la bottiglia con il turacciolo e

sigillare con la cera delle candele che abbiamo detto essere, in questa occasione, di colore giallo o arancio e recitando:

” Soldi, avanti, venite a me e siate abbondanti.Da questa sera in poi non saremo più distanti, con l’aiuto di questa bottiglia, venite a me e siate tanti!”

Tenete la bottiglia vicina alla porta di casa o, se non fosse possibile,

va bene anche un luogo appartato sempre di casa vostra.

L’incantesimo sarà più potente in misura della forza che ci metterete nel preparare la bottiglia e nel visualizzare il vostro desiderio. A quel punto la potenza del vostro pensiero si unirà a quella degli atti e delle parole e si trasformerà in entrate concrete.

Ricordiamoci sempre di ringraziare ogni qualvolta otteniamo frutti dalla magia.

Published in: on 26 giugno 2012 at 09:13  Lascia un commento  

Acqua della serenità

L’acqua è un elemento importantissimo per i riti magici,ha il potere di purificare ogni cosa e di chiarire situazioni confuse.

Di Giovedì meglio se con la Luna calante,riempite un bicchiere pulito di vetro chiaro con acqua limpida di fiume o ruscello.(non deve assolutamente essere torbida).Se avete un problema che assilla voi o la persona amata scrivetelo su un pezzo di carta che poi immergerete nel bicchiere.

Mantenetelo immerso senza mai toccarlo fino a completa macerazione:vedrete che il problema si chiarirà al suo scioglimento.

 

 

Published in: on 25 giugno 2012 at 09:08  Lascia un commento  

COPPALE

Resina odorosa ricavata da diversi alberi di origine messicana e centro-americana in genere. Le popolazioni pre-colombiane la consideravano la linfa vitale dell’Albero della Vita.

Utilizzo Magico: La Copale, dall’acre aroma, viene raramente usata da sola, ma bruciata insieme ad altre piante aromatiche o incorporata all’Incenso Maschio (Olibanum). Le fumigazioni sono di supporto durante la meditazione e sono ottime per la purificazione spirituale e per aprire il proprio cuore all’amore. È per quest’ultimo scopo che la Copale viene utilizzata da tempo immemorabile in Messico, nel Guatemala e nell’Honduras.

A questa resina è stata attribuita l’influenza di Sole e Giove.

Published in: on 24 giugno 2012 at 09:43  Lascia un commento  

Per ottenere prosperità

Nella notte di San Giovanni, dovrete formare un triangolo con un rametto di camomilla, uno di ulivo e uno di alloro. Nel centro dovrete mettere una candela rossa accesa e bruciare per primo il rametto di camomilla, una volta che la candela arriva alla metà, bruciare l’ ulivo, e quando sta per finire l’alloro.

Published in: on 23 giugno 2012 at 09:36  Lascia un commento  

CIPRESSO

Nell’antichità, soprattutto tra i Greci (che avevano imparato a conoscerne l’utilizzo dalle popolazioni anatoliche e medio-orientali) era considerato un albero sacro e non mancava mai nei boschetti intorno ai templi. Sradicarlo era considerato un atto di profanazione del Dio al quale il luogo era dedicato. Il Cipresso figura tra i più antichi ritrovati per guarire. In un testo assiro risalente al re Asir-Bel-Nisesu viene indicato come rimedio ai dolori ed ai “pruriti del fondoschiena”. Anche Ippocrate lo consigliava nella “caduta del retto” e per far cessare le “perdite rosse”; nel Medioevo si applicavano le sue proprietà emostatiche al trattamento delle emorroidi. Oggi viene utilizzato per le sue virtù antidiarroiche, cicatrizzanti, antisettiche ed espettoranti.

Utilizzo Magico: Miscelato con altre piante rientra in molti rituali di guarigione. Presso  i Mesopotamici era considerato uno dei componenti essenziali per la preparazione degli incensi esorcistici.

Il Cipresso è di influenza saturniana. Le divinità ad esso associate sono: Proserpina, Plutone, le Erinni, Ecate Triforme e Mithra.

Published in: on 22 giugno 2012 at 09:42  Lascia un commento  

L’acqua di S.Giovanni

Per avere l’Acqua di San Giovanni alla vigilia del 24 Giugno si raccolgono fiori ed erbe profumate che si trovano in luoghi possibilmente incontaminati. Si immergono le erbe in una ciotola piena di acqua pura e si pone questo preparato al magico effetto della notte. L’influenza della Luna che governa il segno del Cancro ( al cui inizio cade il solstizio) e la rugiada mattutina, estraggono dai fiori i principi benefici di cui l’acqua si carica. Al mattino bisogna bagnarsi con questa acqua, lavarsi il viso e offrirla ai nostri familiari e amici. Ci sono molte erbe aromatiche e profumate tradizionalmente usate per questo antico rituale: l’Iperico ( chiamata anche Erba di San Giovanni o Scacciadiavoli ), il Rosmarino, la Rosa, la Menta, l’Artemisia, la Lavanda, la Melissa, la Verbena, la Salvia, il Basilico, la Maggiorana, il Finocchio selvatico, l’Alloro, la gialla ginestra, il fiore di Tiglio, il profumatissimo Caprifoglio … Il rituale si divide in varie fasi, che attivano alcuni stati d’animo: con la raccolta di erbe e fiori si risveglia il primo stato di CONOSCENZA e RISPETTO… l’esposizione dell’acqua all’ influenza della notte e della rugiada, è lo stato di FIDUCIA e di ABBANDONO… il momento del bagno con l’acqua simboleggia la PUREZZA e la RINASCITA.

Published in: on 21 giugno 2012 at 09:41  Lascia un commento