Antica orazione popolare siciliana a Santa Brigida

Si dice che chi avesse pronunciato tale preghiera con fede e per 40 giorni consecutivi, la Santa sarebbe venuta in sogno e avrebbe rivelato all’orante la data in cui quest’ultima sarebbe morta.

Prizzita santa a ‘nginucchiuni stava
avanti lu crucifissu chi ciancìa
e cu na manu la torcia dumava
cu nautra manu u libbru chi liggìa.
Sciogghimi Cristu la m’intenzioni
prigatici la santa passioni;
allura lu crucifissu arrispunnìu
e cu la santa Prizzita parràu
ci cuntàu li peni chi patìu
la passioni ci la rivilàu.
Prizzita cascò ‘n terra innamoratu
darici vogghiu a cu ci aiu prumisu
e cu si penti di lu so’ peccatu
iò li piddunirò chi m’annu affisu.
‘Nta setti mazzi di spini lu ‘nfasciàru
unu chi lu battìa cu la catina
non putìa stari chiù a’n pedi a la matina
chi era niru chiù di lu cabbuni.
Pilatu si ‘nfacciòi di lu baccuni
contra di li Giudei si misi a diri:
Ch’ancora bi ni vuliti saziàri?
Chi omu è chissu e lassatulu iri
ch’è menzu mottu e chiù non po’ campàri.
Dhà rispunnìu la trumma scontenti:
Di novu cuminzamu a fracillari
di novu cuminzamu li trummenti
di novu cuminzamu a crucificari.
La prima sira chi lu fracillaru
tri ossa di na spadda ci niscèru
quannu a monte Cabbariu lu ‘nchianàru
dicennu amuri-amuri ad alta vuci
cu na spinta mortali ci dunaru
cascò dhà’nterra cu tutta la cruci
la facci e i ginocchia ci strazzaru
picchì era ranni e pisanti la cruci.
Na cosa sula mi ni dispiaci
chi ‘nchianò ciancennu la me’ matri duci
Cu pi quaranta ionna la dici
la veggini Maria li binidici
e cu pi quaranta ionna la dirà
peni d’infennu non ni passirà.

TRADUZIONE:Brigida santa ginocchioni stava / davanti al crocifisso che piangeva / e con una mano la torcia accendeva con un’altra mano il libro che leggeva / Scioglimi Cristo la mia intenzione / pregategli la santa passione / allora il crocifisso rispose e con la santa Brigida parlò / Le raccontò le pene che patì / la passione gliela rivelò / Brigida stramazzò a terra e tramortì con le lacrime sue bagnò le pietre / Brigida stramazzò a terra innamorato / dargli voglio a chi gli ho promesso / e chi si pente del suo peccato io lo perdonerò che m’hanno offeso / In sette mazzi di spine lo hanno fasciato / uno che lo batteva con la catena / non poteva stare più in piedi alla mattina che era nero più del carbone / Pilato si affacciò dal balcone / contro i giudei si mise a dire / che ancora ve ne volete saziare che uomo è codesto e lasciatelo andare / ch’è mezzo morto e più non può campare / Là rispose la trumma scontenti / di nuovo cominciamo a flagellare di nuovo cominciamo i tormenti / di nuovo cominciamo a crocifiggere / La prima sera che lo flagellarono / tre ossa da una spalla gli sbucarono quando a monte Calvario lo portarono / dicendo amore-amore ad alta voce / una spinta mortale gli diedero / cascò a terra con tutta la croce la faccia e le ginocchia gli straziarono / perché era grande e pesante la croce / una cosa sola mi dispiace / che salì piangendo la mia dolce madre Chi per quaranta giorni la dice / la Vergine Maria lo benedice / e chi per quaranta giorni la dirà / pene d’inferno non ne passerà.

Published in: on 12 febbraio 2016 at 18:16  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://ritualimagici.wordpress.com/2016/02/12/antica-orazione-a-santa-brigida/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: