Orazione siciliana per far tornare il sole.

“Faccia suli,
‘faccia suli,
ppi lu Santu Salvaturi,
ppi la luna e ppi li stiddi,
ppi li poviri picciriddi,
n’hanu nenti chi manciari,
‘ffaccia suli pi quadiari.

Annunci
Published in: on 18 agosto 2016 at 05:56  Lascia un commento  

PREGHIERA ALLA VERGINE DEL SORRISO

(Molte persone hanno ottenuto la guarigione dalla depressione e da altre malattie dell’anima, come Santa Teresina, attraverso questa devozione.)

O Maria, Madre di Gesù e madre nostra,
che con un chiaro sorriso vi siete degnata di consolare
e curare vostra figlia Santa Teresina del Bambin Gesù dalla depressione,
restituendole la gioia di vivere
e il senso della sua vita in Cristo Risorto,
guardate con affetto materno tanti
figli e figlie che soffrono di depressione,
disturbi e sindromi psichiatriche e mali psicosomatici.
Gesù Cristo curi e dia senso alla vita di tante persone
la cui esistenza a volte è deteriorata.
Maria, il vostro bel sorriso non lasci che
le difficoltà della vita oscurino la nostra anima.
Sappiamo che solo vostro figlio Gesù può soddisfare
le ansie più profonde del nostro cuore.
Maria, attraverso la luce che sboccia dal vostro volto
traspare la misericordia di Dio.
Il vostro sguardo ci accarezzi e ci convinca che
Dio ci ama e non ci abbandona mai,
e la vostra tenerezza rinnovi in noi l’autostima,
la fiducia nelle nostre capacità,
l’interesse per il futuro e il desiderio di vivere felici.
I familiari di quanti soffrono di depressione
aiutino nel processo di guarigione, non considerandoli mai
attori della malattia con interessi di comodo,
ma li valorizzino, li ascoltino, li comprendano e li esortino.
Vergine del Sorriso, ottenete per noi da Gesù la vera cura
e liberateci da sollievi temporanei e illusori.
Curati, ci impegniamo a servire con gioia,
disposizione ed entusiasmo Gesù come discepoli missionari,
con la nostra testimonianza di vita rinnovata.
Amen.

(Recitare 2 Ave Maria in onore delle due lacrime di gioia che sono scivolate sulle guance di Santa Teresina del Bambin Gesù quando è stata toccata dal Sorriso della Vergine)

Published in: on 15 agosto 2016 at 08:56  Lascia un commento  

Rituale per ottenere uno stipendio più alto

Questo è un semplice incantesimo  da realizzare, che richiede l’utilizzo di una moneta di poco valore, anche da un centesimo.

Elementi:

1 Moneta da 1 centesimo
1 recipiente con dell’acqua
1 saponetta
1 piccola pentola
1 pinza
1 pezzo di carta argentata
1 pezzo di flanella

Procedimento:

La prima cosa da fare è raccogliere il denaro e lavarlo accuratamente con acqua e sapone sino a che non è pulito.

Per disinfettarlo lo si può mettere dentro una pentola con acqua bollente per 10 minuti o a bagno nell’alcol. Dopo questa procedura non è più possibile toccarlo perché potremmo contaminarlo, per questo lo prendiamo con una pinza e lo mettiamo nel pezzo di carta d’alluminio; la carta dovrà coprire totalmente la moneta.

Prendete un panno di flanella e strofinate la moneta bene in modo che diventi brillante, quindi bagnarla con l’aceto, ricordando di non toccarla.

Terminato questo processo solo noi possiamo portarla come amuleto, in una tasca o in una piccola borsa. Portatela sempre con voi e vedrete i risultati molto presto.

 

Published in: on 10 agosto 2016 at 10:28  Lascia un commento  

Rituale egizio del dio Ptah

Per gli antichi egizi il segreto dell’abbondanza stava nell’adorare il Dio Ptah, il dio che fornisce i beni materiali e spirituali.

Considerato il grande artefice dell’universo, capace di trasmutare la materia e migliorare le cose esistenti, Ptah è associato alla bellezza ed al lavoro. Per entrare in armonia con lui si dovrebbero usare amuleti egizi come lo scarabeo e la croce ansata.

Come eseguire il rituale:

E’ possibile prima di tutto realizzare la seguente preghiera di forza, che provocherà una vibrazione della ricchezza e del successo. Ogni giorno, al risveglio, con le spalle rilassate e la schiena dritta ed i piedi rivolti ad est, alzate la mano sino all’orecchio, chiudete gli occhi e cercate di non pensare a problemi e preoccupazioni.

Immaginate un raggio di luce bianca a partire dal vostro terzo occhio (un punto immaginario al centro della fronte al livello delle sopraciglia) che si estende all’infinito. Respirate profondamente e visualizzate la luce emessa da voi che si fonde con una luce diversa, ottenendo un colore dorato.

In seguito, poco a poco immaginate che questa luce dorata entri dal vostro terzo occhio ed avvolga il vostro corpo. Rimanete tranquilli ed in silenzio per un po’ , cercando di avvertire le vibrazioni per tutto il giorno durante le vostre attività e traendone forza ed entusiasm

 

Published in: on 5 agosto 2016 at 10:24  Comments (1)  

Rituale per rafforzare l’ amore

Se avete continuamente dei problemi con la persona amata e volete che il vostro rapporto diventi più solido una volta per tutte, allora potete eseguire questo rito con le candele. Questo incantesimo deve essere realizzato da quando tramonta il sole, sino all’alba.

Elementi:

7 candele rosse
Semi (mais, girasole, zucca, riso o frumento)
Incenso di cedro e sandalo

Procedimento:

In tutti i rituali utilizzeremo sempre una candela rossa (nuova) e con i semi andranno formati dei cerchi uno alla nostra sinistra e l’altro alla nostra destra.

Dal momento che questo rituale deve essere eseguito per sette giorni, occorrerà utilizzare una candela nuova ogni giorno.

Successivamente andranno accesi i due bastoncini di incenso, per tenerli in posizione li fisseremo ad un frutto che posizioneremo al centro di ciascun cerchio formato con i semi.

A questo punto è necessario prepararsi per recitare la preghiera, con la mani giunte come quando si prega in chiesa:

‘Santa Elena, a te che esprimi i sentimenti più dolci, ti chiedo con il cuore e con umiltà di riporre l’amore nel cuore di (nome della persona amata)’.

Al termine di questo rituale lasciate che la candela si spenga da sola. Ripetete lo stesso procedimento per sette giorni sempre allo stesso modo, nello stesso luogo ed alla stessa ora. Una volta trascorsi sette giorni gettate i resti in un ruscello.

 

Published in: on 1 agosto 2016 at 08:31  Lascia un commento