Incantesimo per il lavoro

Occorre un coltello con punta affilata,una candela verde e una rossa.
In una sera di luna crescente,incidete sulla candela verde il lavoro che vorreste fare,e in quella rossa il simbolo della runa Tewaz, e’ importante sapere il potere della runa mentre la incidete,e il vostro nome e cognome.
Fatto ciò accendete le due candele e fatele bruciare per 30 minuti, mentre osservate le fiammelle, visualizzatevi mentre svolgete il lavoro che desiderate con un gran bel sorriso. Passati i 30 minuti, spegnete le candele con le dita e dite:

“COSI’ VOGLIO E COSI’ SIA.”

Le candele le riaccenderete il giorno seguente fino a che non esauriranno.

Published in: on 1 aprile 2015 at 08:40  Lascia un commento  

RITO PER ELIMINARE TENEBRE E CONFUSIONE

Occorrente:
una candela bianca                                                                                    un ago nuovo
un foglio di carta
una penna
un piatto bianco

se vi sembra che tutto sia difficile o che vada sempre tutto male, potete usare questo rituale per rimettere in ordine la vostra esistenza e scacciare le preoccupazioni che vi assalgono.
Con l’ago vergine incidete sulla candela la parola “Luce” .
Poi mettetela al centro del vostro altare e accendetela recitando quanto segue:

“ Al di là delle tenebre giunge la luce
che scaccia e purifica tutto attorno a sé.
Con questa preghiera io rimetto ordine
e brucio la confusione con la mia fiducia nell’Eterno”

Sul foglio di carta scrivete ciò che non và e volete eliminare. Bruciate un angolo del foglio ripetendo la formula e mettete il foglio su un piatto in modo che bruci tutto, lentamente. Mentre brucia visualizzate che ciò che vi preoccupa vi abbandoni all’istante.
Meditate in silenzio fissando la fiamma purificatrice e quando vi sentirete pronte a terminare il rito, spegnete la candela con il pollice e l’indice della mano destra dicendo :

“ Così sia, la mia volontà è realizzata”

Published in: on 27 marzo 2015 at 13:56  Lascia un commento  

Sortilegio del sale

Il sale viene considerato in ogni epoca come cosa sacra.
tra i romani era considerato presagio funesto per l’ospite se un convitato si addormentava prima che le saliere venissero tolte da tavola. I primi cristiani lo impiegavano in molte cerimonie, tutt’oggi si usa il sale nel sacramento del battesimo, quale simbolo di sapienza.
Molte persone ritengono ancora oggi di cattivo annunzio il rovescio del sale sulla tovaglia. Volendo scongiurare il funesto effetto si prenda con la punta del coltello un poco di sale sparso gettandolo indietro la spalla destra dicendo: Satana, Satana prendi la tua parte e vai.

Published in: on 23 marzo 2015 at 08:21  Lascia un commento  

Incantesimo della mela rossa

Per assorbire le negatività (in casa,negozio,ufficio…)
Occorrente
1 Mela rossa
33 Chiodi di garofano

Procedimento :
Prendi una mela e lavala per bene sotto l’acqua corrente fredda
tienila tra le mani pensando intensamente al “lavoro” che dovrà essere svolto.
Incidi una croce sulla sua buccia rossa con un coltello (il coltello dovrà prima essere lavato sotto l’acqua corrente fredda).
infila i chiodi di garofano nell’incisione che hai appena fatto..uno ad uno..con calma..e ad ogni chiodo che infilerai, pensa alla negatività che ti aiuteranno a portare via dal luogo in cui la posizionerai.
Quando tutto ciò è fatto appoggiarla in un angolo della stanza dove nessuno la potrà nè dovrà più toccare.
Dopo 7 giorni prenderai un sacchettino pulito e dei guanti usa e getta e prendi la mela con i guanti altrimenti riassorbirai tutto e la metti nel sacchettino insieme ai guanti con cui la hai toccata. Poi chiudi il sacchettino con 3 nodi e mentre annodi pensa a tutto il male che ha assorbito per te.
Ringraziala e poi la porti al fiume..(o in un corso d’acqua) e la getti nella piena consapevolezza che con questo gesto sarai “liberato/a” dai tormenti che la negatività porta.
Durante ogni fase di questo semplice e profumato procedimento parlaci con parole tue chiedendo sempre che tutto il male si allontani da te.
Nel momento in cui getterete a fiume la mela, vi sentirete leggeri, come liberati nell’animo..

Published in: on 15 marzo 2015 at 11:49  Lascia un commento  

Antico rito di purificazione per l’intera famiglia

Dopo essersi lavate le mani con acqua di fonte, il capofamiglia si mette in bocca 9 fagioli neri, si volta e li getta dietro di sé sopra la spalla dicendo ad ogni fagiolo che lancia:
“Questo vi invio, Manes, con questi fagioli redimo me ed i miei”.
Quando ha fatto questo per 9 volte dice:
“Manes dei miei antenati, lasciate questo luogo”.
Si guarda quindi indietro ed il rito di purificazione è finito.

Published in: on 2 marzo 2015 at 10:15  Lascia un commento  

Rito del sogno profetico

Se volete ottenere la conoscenza di una determinata questione attraverso un sogno profetico fate questo semplice rito: la luna deve essere in fase crescente, quasi piena; prima di andare a letto fate un bagno caldo nella cui acqua avrete mescolato qualche goccia della seguente mistura:
olio di lavanda – olio di rosmarino – olio di menta piperita – olio di timo – polvere di semi di papavero.
Mentre fate il bagno esponete la vostra camera da letto al fumo di un incenso composto di:
canfora – polvere di legno di aloe – gelsomino – polvere di semi di cetriolo – polvere di legno di sandalo bianco.
Tutti questi ingredienti devono essere usati in parti uguali.
Prima di mettervi a dormire scrivete la vostra domanda su un pezzo di carta bianca e mettetelo sotto il guanciale in un sacchetto con l’assenzio.Se l’incantesimo funziona, la mattina dopo dovreste avere la risposta alla vostra domanda.

Published in: on 24 febbraio 2015 at 11:15  Lascia un commento  

INCANTESIMO DELLA CROCE DI SORBO

(per proteggere dal male o se stessi o gli altri; evitare che vi venga portato via l’amore; di essere rovinati negli affari. Incantesimo molto antico ed efficace, operato anche dal mago Ruggeri per Caterina de’ Medici)

 

Con due rametti di SORBO formare una croce, avendo cura di legarli con del cordoncino rosso dicendo queste parole:

“Per questa Croce di Sorbo
Io (Nome) proibisco a tutte le persone avverse e ostili
Di entrare nell’abitazione e nella casa di (Nome)
Io vi proibisco la sua carne e il suo sangue,
Il suo corpo e la sua anima
Io vi proibisco assolutamente di entrare
Nella sua mente, paure e forze
Finché non avrete valicato ogni collina e valletta
Attraversato ogni corrente e fiume
Contando ogni granello di sabbia su ogni piaggia
E contate tutte le stelle del Cielo notturno!”

Una volta confezionata la croce e dette quelle parole, si mette al collo di colui che deve essere protetto, mormorando il seguente scongiuro che risale ad alcuni secoli:

“Sopra il tuo petto questa croce sia
Croce di Sorbo, croce di magia.
Possa protegger sempre la tua via
E notte e giorno tenerti al sicuro.
Odi le mie parole, io ti scongiuro
Voglio, comando e posso, così sia!”

Published in: on 22 febbraio 2015 at 10:31  Lascia un commento  

Per attirare nuove amicizie

Se volete attrarre nuove amicizie,ricevere inviti a feste o cene,
in un mercoledì di luna crescente , legate una calamita con un filo giallo all’asso di spade degli arcani minori (va bene anche l’asso di spade delle carte da briscola) dei tarocchi e portate con voi il talismano.

Published in: on 18 febbraio 2015 at 08:37  Lascia un commento  

Sciogliere una fattura

Se temete d’essere preda di qualche incantesimo che vi faccia del male, tentate questo rito.

Vi serviranno davvero pochi strumenti:
-Una candela bianca
-Del filo nero di 20 cm circa non troppo fine (possibilmente di lana o cotone, in magia questi due materiali lavorano benissimo).
-Calderone o superficie ignifuga.

È assolutamente necessario purificare per bene la candela e lo spago prima di iniziare.
Una volta purificati gli strumenti, prendete la candela e tenetela fra i palmi delle due mani.
Impregnatela di forza purificatrice capace di scacciare via ogni minimo frammento di negatività con una visualizzazione nel mentre che la tenete nei palmi delle mani.
Quando sentite che è fatta prendete lo spago.
Avvolgetelo nell’indice e nel medio della mano proiettiva (quella con cui scrivete), poi stringete la mano a pugno.
Caricatelo e trasmettete la presunta fattura allo spago che deve prenderla al posto vostro. Impegnatevi più che potete in questa fase.
Mettete la candela in un portacandele e accendetela.
Fatto questo prendete e annodate 3 volte lo spago nella candela.
Nel mentre ripetete qualcosa del tipo:
“Tre volte il male è annodato
Da me ora è lontano e scacciato
Fuoco che divampi e ustioni,
Cancella per sempre questi dolori”

La candela bruciando, arriverà a bruciare anche lo spago, annientando anche l’incanto che vi opprime.
Se vi sentite più sicuri, ripetete l’incantesimo ogni 7 giorni.

Published in: on 14 febbraio 2015 at 10:05  Lascia un commento  

Rito per togliere una fattura

Da eseguire durante una domenica di luna calante, prima di andare a dormire.
Accendi 13 candele bianche nella stanza da bagno. Riempi la vasca d’acqua calda (il più calda possibile senza ustionarti, ovviamente, perché dovrai restarvi per un lungo periodo, quindi che non sia troppo calda! Nell’acqua calda aggiungi (mentre sta scorrendo e riempiendo la vasca) una tazza di sale marino naturale, 1 cucchiaio di salvia (naturale, secca o fresca, come preferisci), un cucchiaio di lavanda, un cucchiaio di camomilla. Chiudi la cannella e lascia che le erbe sciolgano i propri aromi nell’acqua. Siediti o inginocchiati davanti alla vasca (senza entrarci), nudo/a, e ripeti il seguente incantesimo:
“cosa è stato è stato, che ora sia disfatto, che la luce della luna piena pulisca e purifichi la mia anima da ogni macchia e contaminazione, che faccia tornare indietro ogni dolorosa fattura, che tolga da me ogni maleficio. Come entro in questo spazio consacrato, il mio spirito ritorna al suo stato di grazia.”
Entra nella vasca e lascia che l’acqua calda ‘lavino’ gli effetti della fattura. Con le mani raccogli dell’acqua e versala 3 volte sulla testa. Ogni volta che lo fai, ripeti questa frase:
“accetta le mie scuse per ciò che è stato fatto, disperdi la fattura con la luce del giorno.”

Resta nell’acqua fino a quando l’acqua è diventata fredda. Poi fai scorrere l’acqua e, quando la vasca è vuota, sciacquati con acqua ‘nuova’. Spengi le candele (senza soffiarvi sopra) e vai a dormire. Entro la mattina la fattura sarà spezzata e ti dovresti sentire rinata/o.

Published in: on 6 febbraio 2015 at 20:55  Lascia un commento  
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 403 follower