Incantesimo per allontanare un rivale in amore

Occorrente:
– 1 candela rossa
– olio d’oliva
– Sale

L’incantesimo serve per allontanare dalla vita della persona amata un’altra persona che può bloccare la nascita della storia d’amore o essere d’intralcio per il rapporto

Da praticare il martedì di luna calante

Procedimento:

Creare il cerchio magico
Incidere sulla candela il nome della persona da allontanare (rivale)
Ungere la candela con olio d’oliva mescolato con il sale
Pronunciate la formula seguente visualizzando la persona rivale che si allontana dal vostro amato per sempre senza mai voltarsi indietro

Nel nome della Dea dai diecimila nomi
Nel none della Dea della guerra
Io ti allontano per sempre da me e dal mio amato
Non avrai più alcuna influenza su di noi
Vattene e non tornare più
Così è, così è, così è!

Fatto questo rimanete in meditazione e poi lasciate la candela a consumarsi tutta.
Appena l’incantesimo avrà fatto effetto liberare i resti della cera in un corso d’acqua ringraziando la Dea che ha ascoltato le vostre preghiere.

Di base il tempo di attesa è la lunazione completa ma mi è già successo un paio di volte che il tutto avvenisse in un paio di giorni…

Ricordate però che se cercate di allontanare una persona solo per ripicca o per una storiella le conseguenze non tarderanno ad arrivare anche se con questo incantesimo non si augura il male a nessuno

Annunci
Published in: on 10 aprile 2018 at 08:50  Lascia un commento  

Rituale di veggenza.

Questo rituale celtico, molto antico, era fatto dalle ragazze in età da marito, per vedere il viso del futuro sposo.

Deve essere fatto tra le 22 e la mezzanotte di San Silvestro, prima che inizi il nuovo anno. Prendere un bacile di rame nuovo. Riempitelo per metà di acqua e mettetelo su di un tavolo in modo che vi sia comodo guardarci dentro. Mettete sul tavolo anche due candele viola e un incensiere con incenso in grani.

Le due candele devono essere messe abbastanza lontano, in modo tale che la loro fiamma non si rifletta nell’acqua.

Accendete l’incenso, poi le due candele. Fissate lo sguardo al centro del bacile, tenendo le due mani ai lati (destra e sinistra). Cercate di svuotare la mente da ogni pensiero. Soffiate lentamente sull’acqua e dite: “Voglio che sia aperto il mio occhio interiore, emerga la visione e scompaia il grigiore. Che io veda la verità in ogni immagine che verrà”. Ripetete la formula lentamente, ritmicamente, alternandola a soffi sull’acqua. Ad un certo punto dovrebbero manifestarsi immagini sul pelo dell’acqua.

 

Published in: on 27 dicembre 2017 at 09:52  Lascia un commento  

Per allontanare un rivale in amore

Occorrente:
una candela rossa
olio d’oliva
sale
Procedimento:

Il rito serve per allontanare dalla vita della persona amata un’altra persona che può bloccare la nascita della storia d’amore o essere d’intralcio per il rapporto. Da praticare il martedì di luna calante.
Procedimento: creare il cerchio magico incidere sulla candela il nome della persona da allontanare (Nome rivale) ungere la candela con olio d’oliva mescolato con il sale, pronunciate la formula seguente visualizzando la persona rivale che si allontana dal vostro amato per sempre senza mai voltarsi indietro:
“Nel nome della Dea dai diecimila nomi
nel nome della Dea della guerra
io ti allontano per sempre da me e dal mio amato
non avrai più alcuna influenza su di noi
vattene e non tornare più così è, così è, così è!”
Fatto questo rimanete in meditazione e poi lasciate la candela a consumarsi tutta. Appena il rito avrà fatto effetto liberare i resti della cera in un corso d’acqua ringraziando la Dea che ha ascoltato le vostre preghiere.

Published in: on 3 aprile 2017 at 10:23  Lascia un commento  

Rituale celtico della ricchezza

In questo articolo viene spiegato un rituale di origine celtica per la prosperità.

Per i Celti, popolo che si è diffuso in tutta l’Europa occidentale e centrale nel secondo millennio a.C., la prosperità è legata alla fertilità dei campi e degli armamenti.

Le loro cerimonie erano in realtà feste agricole in cui veniva nobilitata la dea Madre (signora della fertilità) ed il Dio Cornuto (protettore degli animali).

Per attirare la prosperità, in accordo con il rito occorre iniziare con il piantare un po’ di semi di segale, erba medica, orzo o grano in un vaso durante la prima notte di Luna nuova.

Tenete il vaso in un luogo buio per tre giorni e poi lasciatelo all’aria aperta esposto al sole per altri tre giorni.

La mattina del sesto giorno, alzatevi all’alba e bevete un bicchiere di infuso di trifoglio, basilico e petali di rosa.

Indossate abiti bianchi, accendete una candela bianca e sedetevi sul pavimento rivolti verso est. Recitate per tre volte:

‘Come cresce il grano, come il sole si alza e cresce la luna, anche io cresco ed ottengo. Germoglia in me, fiorisci in me e porta i frutti in me.’

Una volta che i semi cominciano a dare i propri frutti, salvatene sette ed avvolgeteli con della seta nera seppellendo quelli rimanenti insieme al vaso durante una notte di luna crescente.

 

Published in: on 12 luglio 2016 at 10:15  Lascia un commento  

Incantesimo per concepire un bambino

Per aiutare a concepire un bambino possiamo avvalerci di questo semplice rituale wicca. E’ fondamentale che questo incantesimo venga fatto fatto durante il periodo più fertile del ciclo

Occorrente:

1 ciotola di vetro o di legno

1 mela (simbolo di fertilità)

1 banana (simbolo di fertilità)

1 cristallo d’ agata (fertilità, protezione dei bambini, la felicità, la salute, l’energia fisica e il coraggio)

Procedimento:

Lavare bene  la mela e la banana e prepararsi per l’offerta. Tagliare i frutti a pezzetti con un coltello MAI usato e mescolarli nella ciotola. Prendere la ciotola con la frutta dentro e l’agata nella mano  ed uscire di casa e cercare una betulla, se è possibile, oppure un albero del quale ti senti attratta.

Creare un cerchio di protezione attorno a quell’albero.

Indirizzare verso gli dei il desiderio di concepire.

Quindi prendere la ciotola con la frutta e recitare:

“Dei e dee della fertilità accettate questa offerta,  fate che il mio bambino benedetto si generi in me Cosi sia”

Versare la frutta sulle radici dell’albero.

Ora prendere l’ Agata in mano e immaginare che cosa si prova ad avere un bambino che cresce dentro di te. Visualizzare il tuo bambino che cresce mese dopo mese e mentre nasce. A chi rassomiglierà? Cosa proverai nell’allattarlo? Come saranno i suoi vestitini? Vai avanti nel tempo…come sarà il suo primo giorno di scuola? Quali cose farete insieme? Vai in profondità con questa visualizzazione, mentre l’agata che stringi nella mano si caricherà con l’energia gioiosa della tua esperienza emotiva. Restare cosi per tutto il tempo che ritieni necessario Quando sei pronta a staccare, ringrazia gli dei e gli spiriti per la loro presenza e assistenza. Tieni sempre l’agata accanto a te. Quando ne senti l’esigenza prendila in mano e ricorda il gioioso stato d’animo provato durante il rituale Ricorda che il tuo bambino può non essere con te in forma fisica, ma lui / lei è in attesa di venire al mondo quando sarai davvero pronta ad accoglierlo/a. Fino ad allora parlagli come se lui / lei fosse già qui. Infine, per aumentare le tue probabilità di concepimento, bevi tè di ortica regolarmente ed evita il caffè.

 

Published in: on 21 maggio 2016 at 07:17  Lascia un commento  

Piccolo incanto per purificare la stanza

OCCORRENTE: 3 candele bianche,
incenso,
un calderone (o una pentola)
un foglio e una penna.

SVOLGIMENTO: Scrivere sul foglio una piccola preghiera di purificazione per la stanza. (esempio: “Questa stanza desidero purifciare, da ogni negativtà la voglio liberare. Questa è la mia volontà, questo è il mio agire,che ogni pensiero malvagio possa in fretta sparire!”)
Porre al centro della propria sanza 3 candele di colore bianco in modo da formare con esse un triangolo.
Accendere le candele insieme a dell’incenso (meglio se al sandalo).
Concentrarsi fino ad avere un respiro calmo e regolare e la mente svuotata dai pensieri esterni.
Ripetere la preghiera visualizzando una luce che da voi e dalle candele si espande in tutta la stanza eliminando ogni traccia di negatività presente.
Bruciare alla fiamma delle tre candele il foglietto e lasciare che bruci interamente nella pentola/calderone.
Sotterrarne i resti sottoterra o gettarli in un fiume (Va bene lo stesso nel lavandino di casa).

Published in: on 15 luglio 2015 at 08:03  Lascia un commento  

Rituale contro l’invidia, il malocchio e per respingere opere oscure

Se qualcuno sta applicando una tecnica per farvi del male, o semplicemente il suo  pensiero negativo sta raggiungendo voi, questo è un rituale molto efficace e semplice da fare. .
Questo è un rituale molto facile, ma potente per respingere ciò che gli altri ci trasmettono con rituali malefici .
Occorrente:
Una candela rossa,
un po’ di ruta tritata secca o fresca
sale marino non raffinato grosso
olio di mandorle
un foglio di alluminio
un piatto piano largo foderato di carta alluminio

Procedimento:
Ungere la candela con l’ olio di mandorle
mettere la ruta e sale grosso mischiati insieme su un foglio, e una volta esteso fare rotolare la candela fino a rivestirla bene.
Mettere la candela al centro del piatto foderato e accenderla con il fiammifero e quando la fiamma è alta pronuncia l’incantesimo della Dea Morrigan, la dea della Forza
“Dea della Forza e della Lotta, sei il muro per difendermi dal male e dalla magia del mio nemico. Soprattutto (dire qui il nome di chi si pensa che ci attacca), rendilo impossibile da raggiungermi. E contro questo muro si spezza il male ch e mi ha mandato e che si allontana via da me . Rimango sicuro sotto la tua protezione, mia Dea, nello stesso tempo, che questa candela,si consuma , si consumino i simboli di tutti i mali. ”
Quando la candela è completamente consumata, si prende in mano il foglio che foderava il piatto e si rinchiude dentro tutti i resti della cera: andare a seppellire lontano da casa vostra, un giardino o un bosco con un ruscello nelle vicinanze sarebbe ideale.

Published in: on 1 luglio 2015 at 08:23  Lascia un commento  

Rito di Ecate per conoscere la giusta strada

Questo rituale può essere usato quando senti il bisogno di una guida nella tua vita per conoscere in quale direzione deve andare la tua vita. Ma attenzione: la divinità ti mostrerà la verità. Sii certo che sei pronto per avere a che fare con la verità. Questo è un rituale serio con risultati seri.

Traccia il cerchio, accendi una candela bianca, rilassati e concentrati. Quando sei pronto, recita queste parole:

“Grande Ecate, Dea dei sentieri e delle decisioni

Io ti invoco in questa notte, Protettrice dei viandanti e custode della Verità,

Mostrami, ti prego,il sentieri che ho bisogno di intraprendere.

Mostrami, ti prego, dove i miei talenti risiedono.

Permetti al mio destino di mostrarsi di fronte a me”.

Siediti e medita per alcuni minuti e lascia consumare la candela. Riconoscerai i segni del tuo cammino appena li vedrai.

Published in: on 1 marzo 2015 at 11:18  Lascia un commento  

Per togliere una fattura

Se temete d’essere preda di qualche incantesimo che vi faccia del male, tentate questo rito.

Vi serviranno davvero pochi strumenti:
-Una candela bianca
-Del filo nero di 20 cm circa non troppo fine (possibilmente di lana o cotone, in magia questi due materiali lavorano benissimo).
-Calderone o superficie ignifuga.

È assolutamente necessario purificare per bene la candela e lo spago prima di iniziare.
Una volta purificati gli strumenti, prendete la candela e tenetela fra i palmi delle due mani.
Impregnatela di forza purificatrice capace di scacciare via ogni minimo frammento di negatività con una visualizzazione nel mentre che la tenete nei palmi delle mani.
Quando sentite che è fatta prendete lo spago.
Avvolgetelo nell’indice e nel medio della mano proiettiva (quella con cui scrivete), poi stringete la mano a pugno.
Caricatelo e trasmettete la presunta fattura allo spago, che deve prenderla al posto vostro. Impegnatevi più che potete in questa fase.
Fissate la candela nel calderone o mettetela col portacandele su una superficie ignifuga.
Fatto questo prendete e annodate 3 volte lo spago nella candela.
Nel mentre ripetete qualcosa del tipo:
“Tre volte il male è annodato
Da me ora è lontano e scacciato
Fuoco che divampi e ustioni,
Cancella per sempre questi dolori”
La candela bruciando, arriverà a bruciare anche lo spago, annientando anche l’incanto che vi opprime.
Se vi sentite più sicuri, ripetete l’incantesimo ogni 7 giorni.

Published in: on 12 gennaio 2015 at 09:25  Lascia un commento  

Attirare a sè l’anima gemella

Cerchiamo di richiamare a noi la nostra metà mancante con questo semplice rituale. Questo non è un legamento,ma un semplice aiuto perchè l’anima gemella è destinata a noi da sempre.
Occorrente:
3 candele bianche
1 piattino
sale marino
coppa d’acqua
incenso misto
fiori secchi di gelsomino
altare(o tavolo)

Procedimento:

In una notte di Luna Piena,preparate sull’altare 3 candele bianche messe in fila davanti a voi al centro,a sinistra mettete il vostro piattino,versateci un po di sale marino,e la coppa con acqua,se potete piovana.
Fumigate la stanza con l’incenso misto e bruciate i fiori di gelsomino,accendete le candele,partendo da quella a sinistra. Aprite il cerchio come vi è solito fare,ed invocate la vostra Dea dell’Amore a cui siete più legati,dopo prendete in mano il piattino con il sale,volgetevi verso Nord e dite:
“Madre Terra,io ti offro questo sale,aiutami a trovare la mia metà perduta”
Posate il sale,prendete l’incensiere e rivolgetevi verso Est e dite:
“Cielo,io ti offro questo profumo,aiutami a trovare la mia metà perduta”.
Posate l’incensiere, prendete la candela centrale delle tre che avete davanti, volgetevi verso Sud e dite:
“Sole io ti offro questo fuoco aiutami a trovare la mia metà perduta”.
Posate la candela e prendete la coppa, volgetevi verso Ovest e dite:
“Luna, io ti offro quest’acqua, aiutami a trovare la mia metà perduta”.
Posate la coppa, ponetevi al centro del cerchio con le mani alzate e rivolgete lo sguardo al cielo e rivolgendovi alla vostra dea dell’amore dite:
“ Dea Guidalo a me, mostragli la strada. Guidalo a me, cosi saremo uniti.Guidalo a me, due corpi e una sola anima”.
Abbassate le braccia e restate un ora in meditazione, buttando ogni tanto un pizzico di fiori sull’incensiere, in seguito potete chiudere il cerchio e andarvene, ma lasciate comunque consumare le candele fino alla fine

Published in: on 28 settembre 2014 at 09:51  Comments (1)